formazione, web design Umbria

Pensa come un grande maestro nel settore vendita, puntata 23 a cura di web design Umbria

Quando é stata l’ultima volta che siete andati ad acquistare qualcosa chiede web design Umbria? Che vi ricordate i tempi della dissertazione, la presenza, i ritmi, l’uso particolare di vocaboli, la gestualità, quel venditore su quali leve motivazionali insisteva per vendervi il suo prodotto? Siete rimasti impressionati da cosa in particolare? Occhi? Parole? Presenza? Il messaggio come tutti sanno ma web design Umbria lo ricalca, passa tre aspetti misteriosi della comunicazione, paraverbale, non verbale e verbale e stranamente il non verbale é una parte segnata dalle statistiche come molto importante. Nella comunicazione verbale la sorgente deve adeguare il passaggio delle sue informazioni alle capacità di ricezioni semantiche del destinatario, ricalca web design Umbria. La comunicazione é un processo digitale di codifica e di decodifica di simboli e convenzioni semantiche esattamente come avviene per la famosa combinazione di zero e uno nel codice binario. Prendiamo ad esempio le tre forme diverse di dire acqua in inglese , tedesco, francese che sono rispettivamente water, wasser, eau. La sostanza liquida é la stessa fa notare web design Umbria, ma la codifica é diversa e cambia da cultura e cultura da luogo in luogo. Certamente la richhezza delle lingue é stata penalizzata anche dall’ avvento di Internet e della sua prosciugata mappatura di espressioni veloci e simboli grafici emozionali rapidi. Leggere é un esercizio che accresce il potere descrittivo della realtà ed é attività da fagocitare al posto della TV per esempio che propone invece modelli passivi di sviluppo. Ma si può anche comunicare con i gesti e senza suono, certi atteggiamenti, certe posture ci dicono molto anche senza dire niente, evidenzia web design Umbria. Se si dovesse lavorare sulla voce su quante proprietà e qualità si dovrebbe intervenire? timbro, ritmo, cadenza, tono, modulazione, dizione; l’uso della voce e delle sue assonanze genera stati d’animo diversi sull’ interlocutore ed effetti diversi. La gestione della variabilità fonetica é uno dei fulcri dell’ attività teatrale per esempio. La voce viene registrata e riconosciuta aprescindere dal messaggio. Del resto le inflessioni e le pause e le accellerazioni che gnera ad esempio l’ipnotista nel suo lavoro per ottenere effetti suggestivi e paralizzanti sul paziente fanno leva proprio sulla fonetica e la riconoscibilità del timbro vocale. Il bravo venditore quindi per chiudere il cerchio deve modulare bene la voce adattandola alle esigenze dell’ interlocutore, sottolinea web design Umbria. Occorre quindi esercitarsi nell’ uso della voce, alzando il timbro, introducendo le pause nei punti giusti oppure abbassando il tono quando serve. amplificando o riducendo o modulando per ottenere l’effetto giusto e l’obiettivo voluto che per l’esercente é la vendita del suo prodotto servizio. Le frasi cambiano significato enfatizzando alcune parole in un modo piuttosto che in un altro. Una frase come “la nostra azienda é leader nel settore dei tessuti” ottiene grande beneficio esaltando le caratteristiche della parola NOSTRA. A seconda di come viene elaborata la nostra voce l’interlocutore coglierà alcune sfumature o meno. La voce evidenzia il contesto verbale e indirizza il messaggio subliminale. La sottolineatura analogica in contrasto con la comunicazione digitale trae grandi benefici da questo modo di mettere in evidenza particolari suoni insiti in una frase. La comunicazione extra-verbale che é la parte paraverbale e non verbale viene definita anche comunicazione analogica. Provate ad esempio a trasferire dei concetti o delle frasi parlando con i numeri ad esempio per sperimentare l’effetto che fa conclude web design Umbria.

Annunci