php, web design Umbria, web marketing Umbria

PHP per aspiranti programmatori – A overview

PHP: Hypertext Preprocessor (PHP) è un linguaggio di scripting open source molto popolare e gratuito. Gli script PHP vengono eseguiti sul server. Ecco una breve lista di ciò che PHP è in grado di:

– Generazione di contenuto di pagina dinamico
– Creazione, apertura, lettura, scrittura, eliminazione e chiusura di file sul server
– Raccolta dei dati del modulo
– Aggiunta, eliminazione e modifica delle informazioni memorizzate nel database
– controllare l’accesso dell’utente
– crittografia dei dati
– e altro ancora!

Prima di iniziare questo tutorial, dovresti avere una conoscenza di base dell’HTML. PHP ha abbastanza potenza per lavorare al centro di WordPress, il sistema di blogging più attivo sul web. Ha anche il livello di profondità richiesto per eseguire Facebook, il più grande social network del web! PHP funziona su numerose e diverse piattaforme, tra cui Windows, Linux, Unix, Mac OS X e così via.

PHP è compatibile con quasi tutti i server moderni, come Apache, IIS e altro.
PHP supporta un’ampia gamma di database.
PHP è gratis!
PHP è facile da imparare e funziona in modo efficiente sul lato server.

Uno script PHP inizia con <? Php e termina con?>:

<code>
<?php
// PHP code goes here
?>
</code>

Ecco un esempio di un semplice file PHP. Lo script PHP utilizza una funzione incorporata chiamata “echo” per emettere il testo “Hello World!” su una pagina web.

<code>
<html>
<head>
<title>My First PHP Page</title>
</head>
<body>
<?php
echo “Hello World!”;
?>
</body>
</html>
</code>

Le istruzioni PHP terminano con il punto e virgola (;). In alternativa, possiamo includere PHP nel tag HTML.




My First PHP Page



echo "Hello World!";

</body>
</html>
</code>

However, the latest version of PHP removes support for <script language="php"> tags. As such, we recommend using <?php ?> exclusively. Puoi anche usare i tag PHP abbreviati, <? ?>, a condizione che siano supportati dal server.

<code>
<?
echo "Hello World!";
?>
</code>

Tuttavia, <? Php?>, Come standard ufficiale, è il modo consigliato di definire gli script PHP. PHP ha una funzione "echo" integrata, che viene utilizzata per l'output del testo. In realtà, non è una funzione; è un costrutto linguistico. In quanto tale, non richiede parentesi. Emettiamo un testo.

<code>
<?php
echo "I love PHP!";
?>
</code>

Il testo dovrebbe essere in virgolette singole o doppie. Ogni istruzione PHP deve terminare con un punto e virgola.

<code>
<?php
echo "A";
echo "B";
echo "C";
?>
</code>

Dimenticando di aggiungere un punto e virgola alla fine di una dichiarazione si ha un errore. Il markup HTML può essere aggiunto al testo nell'istruzione echo.

<code>
<?php
echo "<strong>This is a bold text.</strong>";
?>
</code>

Nel codice PHP, un commento è una riga che non viene eseguita come parte del programma. Puoi usare i commenti per comunicare agli altri in modo che capiscano cosa stai facendo, o come promemoria per te stesso di ciò che hai fatto.

Un commento a riga singola inizia con //:

<code>
<?php
echo "<p>Hello World!</p>";
// This is a single-line comment
echo "<p>I am learning PHP!</p>";
echo "<p>This is my first program!</p>";
?>
</code>

I commenti a più righe vengono utilizzati per comporre commenti che richiedono più di una singola riga.
Un commento su più righe inizia con / * e termina con * /.

<code>
<?php
echo "<p>Hello World!</p>";
/*
This is a multi-line comment block
that spans over
multiple lines
*/
echo "<p>I am learning PHP!</p>";
echo "<p>This is my first program!</p>";
?>
</code>

Aggiungere commenti mentre scrivi il tuo codice è una buona pratica. Aiuta gli altri a capire il tuo pensiero e ti aiuta a ricordare più facilmente i tuoi processi mentali quando fai riferimento al tuo codice in seguito.

Le variabili sono usate come "contenitori" in cui memorizziamo le informazioni.
Una variabile PHP inizia con un segno di dollaro ($), che è seguito dal nome della variabile. $ nome_variabile = valore;

Regole per le variabili PHP:

- Un nome di variabile deve iniziare con una lettera o un trattino basso
- Un nome di variabile non può iniziare con un numero
- Un nome di variabile può contenere solo caratteri alfanumerici e caratteri di sottolineatura (A-z, 0-9 e _)
- I nomi delle variabili fanno distinzione tra maiuscole e minuscole ($ name e $ NAME sarebbero due variabili diverse)

<code>
<?php
$name = 'John';
$age = 25;
echo $name;
// Outputs 'John'
?>
</code>

Nell'esempio sopra, si noti che non è necessario indicare a PHP quale tipo di dati è la variabile. PHP converte automaticamente la variabile nel tipo di dati corretto, in base al suo valore. A differenza di altri linguaggi di programmazione, PHP non ha comandi per dichiarare una variabile. Viene creato nel momento in cui prima si assegna un valore ad esso. Le costanti sono simili alle variabili ad eccezione del fatto che non possono essere modificate o indefinite dopo che sono state definite. Inizia il nome della tua costante con una lettera o un trattino basso. Per creare una costante, utilizzare la funzione define (): define (nome, valore, case-insensitive) parametri:

nome: specifica il nome della costante;
valore: specifica il valore della costante;
senza distinzione tra maiuscole e minuscole: specifica se il nome della costante deve essere senza distinzione tra maiuscole e minuscole. Il valore predefinito è falso;

L'esempio seguente crea una costante con un nome con distinzione tra maiuscole e minuscole:

<code>
<?php
define("MSG", "Hi Umbriaway!");
echo MSG;

// Outputs "Hi Umbriaway!"
?>
</code>

L'esempio seguente crea una costante con un nome insensibile alle maiuscole e minuscole:

<code>
<?php
define("MSG", "Hi Umbriaway!", true);
echo msg;

// Outputs "Hi Umbriaway!"
?>
</code>

Le variabili possono memorizzare una varietà di tipi di dati. Tipi di dati supportati da PHP: String, Integer, Float, Boolean, Array, Object, NULL, Resource.

Stringa PHP. Una stringa è una sequenza di caratteri, come "Hello world!". Una stringa può essere qualsiasi testo all'interno di un insieme di virgolette singole o doppie.

<code>
<?php
$string1 = "Hello world!"; //double quotes
$string2 = 'Hello world!'; //single quotes
?>
</code>

È possibile unire due stringhe usando l'operatore di concatenazione punto (.). Ad esempio:

echo $ s1. $ s2

PHP intero. Un numero intero è un numero intero (senza decimali) che deve corrispondere ai seguenti criteri:

- Non può contenere virgole o spazi vuoti
- Non deve avere un punto decimale
- Può essere positivo o negativo

<code>
<?php
$int1 = 42; // positive number
$int2 = -42; // negative number
?>
</code>

Le variabili possono memorizzare una varietà di tipi di dati. Un numero in virgola mobile o in virgola mobile è un numero che include un punto decimale.

<code>
<?php
$x = 42.168;
?>
</code>

Un booleano può essere rappresentato solo da uno dei due stati VERO o FALSO:

<code>
<?php
$x = true; $y = false;
?>
</code>

Le booleane vengono spesso utilizzate nei test condizionali, che verranno trattati più avanti nel corso.
La maggior parte dei tipi di dati può essere utilizzata in combinazione tra loro. In questo esempio, stringa e numero intero vengono messi insieme per determinare la somma di due numeri.

<code>
<?php
$str = "10";
$int = 20;
$sum = $str + $int;
echo ($sum);

// Outputs 30
?>
</code>

PHP converte automaticamente ogni variabile nel tipo di dati corretto, in base al suo valore. Questo è il motivo per cui la variabile $ str viene trattata come un numero nell'aggiunta. Le variabili PHP possono essere dichiarate ovunque nello script. L'ambito di una variabile è la parte dello script in cui la variabile può essere referenziata o utilizzata.

Gli ambiti di variabili più utilizzati di PHP sono locali, globali.
Una variabile dichiarata all'esterno di una funzione ha un ambito globale.
Una variabile dichiarata all'interno di una funzione ha un ambito locale e può essere raggiunta solo all'interno di tale funzione.

Considera il seguente esempio.

<code>
<?php
$name = 'David';
function getName() {
echo $name;
}
getName();

// Error: Undefined variable: name
?>
</code>

Questo script genererà un errore, poiché la variabile $ name ha un ambito globale e non è accessibile all'interno della funzione getName (). Le funzioni saranno discusse nelle prossime lezioni.

La parola chiave globale viene utilizzata per accedere a una variabile globale da una funzione.
Per fare ciò, utilizzare la parola chiave globale all'interno della funzione, prima delle variabili.

<code>
<?php
$name = 'David';
function getName() {
global $name;
echo $name;
}
getName();

//Outputs 'David'
?>
</code>

Con PHP, puoi usare una variabile per specificare il nome di un'altra variabile. Quindi, una variabile variabile considera il valore di un'altra variabile come suo nome. Per esempio:

<code>
<?php
$a = 'hello';
$hello = "Hi!";
echo $$a;

// Outputs 'Hi!'
?>
</code>

$$ a è una variabile che utilizza il valore di un'altra variabile, $ a, come il suo nome. Il valore di $ a è uguale a "ciao". La variabile risultante è $ hello, che contiene il valore "Ciao!"

Gli operatori eseguono operazioni su variabili e valori.

<code>
<?php
$num1 = 8;
$num2 = 6;

//Addition
echo $num1 + $num2; //14

//Subtraction
echo $num1 - $num2; //2

//Multiplication
echo $num1 * $num2; //48

//Division
echo $num1 / $num2; //1.33333333333
?>
</code>

L'operatore modulo, rappresentato dal segno%, restituisce il resto della divisione del primo operando per il secondo operando:

<code>
<?php
$x = 14;
$y = 3;
echo $x % $y; // 2
?>
</code>

Se si utilizzano numeri in virgola mobile con l'operatore modulo, verranno convertiti in numeri interi prima dell'operazione.

Gli operatori di incremento vengono utilizzati per incrementare il valore di una variabile. Gli operatori di decremento vengono utilizzati per decrementare il valore di una variabile.

<code>
$x++; // equivalent to $x = $x+1;
$x--; // equivalent to $x = $x-1;
</code>

Gli operatori di incremento e decremento precedono o seguono una variabile.

<code>
$x++; // post-increment
$x--; // post-decrement
++$x; // pre-increment
--$x; // pre-decrement
</code>

La differenza è che il post-incremento restituisce il valore originale prima che cambi la variabile, mentre il pre-incremento cambia prima la variabile e poi restituisce il valore.

Esempio:

<code>
$a = 2; $b = $a++; // $a=3, $b=2

$a = 2; $b = ++$a; // $a=3, $b=3
<code>

Gli operatori di incremento vengono utilizzati per incrementare il valore di una variabile. Gli operatori di assegnazione sono utilizzati per scrivere valori in variabili.

<code>
<?php
$x = 50;
$x += 100;
echo $x;

// Outputs: 150
?>
</code>

Gli operatori di confronto confrontano due valori (numeri o stringhe). Gli operatori di confronto vengono utilizzati all'interno di istruzioni condizionali e valutano TRUE o FALSE. Stai attento a usare == e ===; il primo non controlla il tipo di dati.


Operatori di confronto aggiuntivi:


Gli operatori logici vengono utilizzati per combinare istruzioni condizionali.

Un array è una variabile speciale, che può contenere più di un valore alla volta.
Se si dispone di un elenco di elementi (ad esempio un elenco di nomi), memorizzarli in variabili singole sarebbe simile a questo:

$name1 = "David";
$name2 = "Amy";
$name3 = "John";

Ma cosa succede se hai 100 nomi nella tua lista? La soluzione: crea un array! Gli array numerici o indicizzati associano un indice numerico con i loro valori. L'indice può essere assegnato automaticamente (l'indice parte sempre da 0), come questo:

$names = array("David", "Amy", "John");

In alternativa, puoi assegnare il tuo indice manualmente.

$names[0] = "David";
$names[1] = "Amy";
$names[2] = "John";

Abbiamo definito un array chiamato $ nomi che memorizza tre valori. È possibile accedere agli elementi dell'array tramite i loro indici. Ricorda che il primo indice dell' array non é 1 ma 0!

echo $names[1]; // Outputs "Amy"

Puoi avere interi, stringhe e altri tipi di dati insieme in un array. Esempio:

<code>
<?php
$myArray[0] = "John";
$myArray[1] = "<strong>PHP</strong>";
$myArray[2] = 21;

echo "$myArray[0] is $myArray[2] and knows $myArray[1]";

// Outputs "John is 21 and knows PHP"
?>
</code>

Gli array associativi sono array che utilizzano chiavi con nome assegnate a loro. Esistono due modi per creare un array associativo:

<code>
$people = array("David"=>"27", "Amy"=>"21", "John"=>"42");
// or
$people['David'] = "27";
$people['Amy'] = "21";
$people['John'] = "42";
</code>

Nel primo esempio, si noti l'uso dei segni => nell'assegnazione di valori alle chiavi nominate. Utilizzare le chiavi nominate per accedere ai membri dell'array.

<code>
$people = array("David"=>"27", "Amy"=>"21", "John"=>"42");
echo $people['Amy']; // Outputs 21"
</code>

Una matrice multidimensionale contiene uno o più array. La dimensione di una matrice indica il numero di indici che occorrerebbe per selezionare un elemento.

- Per un array bidimensionale, sono necessari due indici per selezionare un elemento
- Per un array tridimensionale, hai bisogno di tre indici per selezionare un elemento

Array con più di tre livelli di profondità sono difficili da gestire. Creiamo un array bidimensionale che contiene 3 matrici:

$people = array(
'online'=>array('David', 'Amy'),
'offline'=>array('John', 'Rob', 'Jack'),
'away'=>array('Arthur', 'Daniel')
);

Ora la matrice bidimensionale $ persone contiene 3 matrici e ha due indici: riga e colonna. Per accedere agli elementi dell'array $ people, dobbiamo puntare ai due indici.

<code>
$people = array(
'online'=>array('David', 'Amy'),
'offline'=>array('John', 'Rob', 'Jack'),
'away'=>array('Arthur', 'Daniel')
);
</code>

Ora la matrice bidimensionale $ persone contiene 3 matrici e ha due indici: riga e colonna. Per accedere agli elementi dell'array $ people, dobbiamo puntare ai due indici.

<code>
echo $people['online'][0]; //Outputs "David"
echo $people['away'][1]; //Outputs "Daniel"
</code>

Gli array dell'array multidimensionale possono essere sia numerici che associativi. In uno dei prossimi articoli affronteremo con Umbriaway Consulting la spinosa questione delle strutture di controllo, in modo da poter gestire con cicli e istruzioni condizionali i nostri dati

Annunci
web marketing Umbria
angular, chess, formazione, inglese, web marketing Umbria

Web Marketing Umbria: scacco matto ad Angular, prima puntata

web marketing Umbria

Gli scacchi sono un luogo fertile ricco di complessità, ma l’aspirante sviluppatore può ritrovare queste convulse strutture ovunque, soprattutto nella tecnologia Google denominata Angular o persino nello studio della lingua inglese, sottolinea web marketing Umbria. Quindi andiamo a sviscerare i legami sottili che collegano in maniera metafisica questi tre contenitori, ossia gli scacchi, con lo studio della lingua inglese e lo sviluppo di applicazioni web, una triade perfetta dagli aspetti potenzianti. Iniziamo prendendo in esame la partita Tal vs Portish giocata a Niksic nel 1983 sicuramente non molto convenzionale come logica lineare vulcaniana, partita ricca di complicazioni tattiche certamente finalizzate a far capitolare con il botto l’avversario. Link della partita http://www.chessgames.com/perl/chessgame?gid=1113989, la posizione del diagramma mostra la posizione dopo 21 Tf6 con giudizio critico che viene definito “gioco poco chiaro”. La cosa curiosa di questa partita é che malgrado le velleità di annichilire l’avversario soprattutto da parte del bianco, il tutto stranamente finisca a tarallucci e vino, con una patta alla mossa 36! E ora non resta che introdurre in maniera spettacolare con tutta una serie di incomprensibili geroglifici il significato di espressioni come: cmd, node -v, git bush, npm -v, git hub, repository, download git for windows, angular CLI, npm install – g@angular/cli, ng da bush, ng help, ng new, dipendenze, scheletro e pacchetti, tab e l’autocompletamento, ls -all, ng serve, http://localhost:4200, moduli, componenti e direttive! Boom esclama web marketing Umbria! Ma de che stemo a parlà? Per avere una vaga idea di cosa possa significare NPM che é necessario per esercitarci con Angular possiamo leggere questo articolo scritto da web marketing Umbria all’ indirizzo: https://umbriawayincrementa.wordpress.com/2017/12/03/sviluppatore-frontend-e-agenzia-web-marketing-un-cammino-inossidabile/ dove ci sono tutte le indicazioni per costruire un APP lato server con Javascript ma soprattutto si entra nella forma mentale per i nuovi sviluppatori di domani che devono saper padroneggiare i comandi da riga di comando. Essendo angular un pacchetto integrabile in NODE e NPM, possiamo anche usare uno dei nuovi dialetti javascript come TypeScript ad esempio per assicurare alla nostra applicazione dei vantaggi sulla pubblicazione multipiattaforma ad esempio, dal momento che TypeScript ha delle funzionalità in più estremamente flessibili rispetto al più tradizionale JS. Prima di procedere ametabolizzare il nuovo ciclo di post tematici di sviluppo web di web marketing umbria ci soffermiamo ad evidenziare come editor di codice visual studio code di Microsoft che ha anche la parte di terminale windows integrata nello stesso ambiente, link per il download https://code.visualstudio.com/download. In uno dei prossimi post entreremo nel vivo di Angular anche se Champollion qui dai geroglifici capirebbe che prima di procedere a lavorare con questo modulare e flessibile framework targato Google é fondamentale compiere tutta una serie di azioni preliminari espresse in sequenza sopra in forma ineffabile, per cui prima si installa node e npm e poi si procede a inserire il pacchetto con il comando npm install – g@angular/cli dopodiché si creano all’ iterno della cartella di lavoro le strutture e le dipendenze necessarie per far funzionare tutto il progetto. Adesso non ci resta che approfondire con web marketing Umbria i deliri grammaticale della lingua inglese e la sua grammatica definita facile! Come si sa la lingua inglese si é imposta come la lingua franca per eccellenza nel ventesimo secolo, abbattendo se vogliamo la precedente supremazia con la lingua francese. Cerchiamo di ottenere il massimo con il minimo sforzo per individuare gli elementi strutturali, le basi grammaticali e le sue regole, le principali regole sintattiche e le varietà stilistiche. Vediamo prima di tutto come si legge l’alfabeto inglese: 1 a ei / 2 b bii / 3 c sii / 4 d dii / 5 e ii / 6 f ef / 7 g jii / 8 h eich / 9 i ai / 10 j jei / 11 k kei / 12 l el / 13 m em / 14 n en / 15 o ëu / 16 p pii / 17 q kyuu / 18 r aa / 19 s es / 20 t tii / 21 u yuu / 22 v vii / 23 w dab l yuu / 24 x ex / 25 y wai / 26 z zed. Nell’ alfabeto inglesesi notano cinque lettere che non sono comuni nell’ alfabeto italiano: J, come la g italiana della parola giocare; K come la c italiana della parola casa; W come la u italiana nei dittonghi come uova; X come la cs italiana; Y come la I italiana (ma nella lingua inglese é consonante). Le vocali sono cinque come in italiano e hanno un suono base, cioé il suono alfabetico. Le vocali mantengono in genere il suono alfabetico quando sono accentate perché cade su di loro l’accento tonico, mentre in inglese non esistono accenti grafici. La vocale e é muta a fine parola e molto spesso anche all’ interno della parola stessa, ma non nei monosillabi. Ad esempio: time -> taim, name ->neim, interest -> intrest, bed -> bad. Le vocali seguite dalla consonante r sia all’ interno della parola, che alla fine, creano un suono particolare, difatti la R non si pronuncia in maniera sensibile ma se ne intuisce ugualmente il suono in maniera lieve. La vocale U é muta se sta tra una consonante e una vocale tipo guard (gard). Le consonanti si pronunciano in maniera quasi simile a quella italiana, ma in alcuni casi fanno eccezione come i cioccolata, ch suono dolce; la C prima di E, I, Y si pronuncia S, altrimenti K duro; G prima di E,I. Y ha suono dolce come genio altrimenti ha un suono duro come gh; H all’ inizio di parola é quasi sempre aspirata; TH é difficile da pronunciare, può avere pronuncia dolce o aspra, simile a una S o a una Z, dette con la lingua appoggiata ai denti superiori, per esempio l’articlo the che ha un suono dolce o tooth, dente che ha un suono aspro; J ha il suono dolce della G; PH suona come una F; SC ha sempre un suono duro SK; SH ha un suono dolce come scelta; Z si pronuncia come S dolce. Quando due o più consonanti si incontrano nella stess aparola si applicano le seguenti regole: gh é muto in fine parola e anche quando é seguito da T (light lait); K é muta all’ inizio della parola se é seguita dalla lettera N come in Knoc-no; P é muta se seguita nella stessa sillaba da N, S, T (pneumonia nemonia, psy-chosis saicosis, receipt risi:t); TCH la T é muta come in watch-uoc, con la C dolce! Grafica utilizzata per il post prelevata da web marketing Umbria all’ indirizzo royalty free: https://unsplash.com! In uno dei prossimi articoli cercheremo di entrare nei meccanismi di Angular mostrando dal lato pratico come si attiva il web server locale sulla porta 4200! Stay tuned con web marketing Umbria!

chess, formazione, javascript, web marketing Umbria

Web marketing Umbria: javascript e le varianti innovative di Kasparov sull’ est indiana

web marketing UmbriaAll’ indirizzo http://www.chessgames.com/perl/chessgame?gid=1070056 troviamo con web marketing Umbria la Alexander Beliavsky vs Garry Kasparov Moscow (1983), rd 8, King’s Indian Defense: Saemisch Variation. Normal Defense (E81) vinta in 46 mosse dal nero e piena di brillanti colpi di scena con sacrifici e controsacrifici, tattica quasi allo stato puro seppure piegata dalle esigenze del gioco di posizione. Il nero adotta una linea interessante con 6..a6 e sulla successiva Ad3 sacrifica un pedone in maniera tematica (per i nostri tempi di oggi ma allora l’approccio era totalmente innovativo) con c5. Ne scaturisce una partita piena di colpi di scena e di rocamboleschi affondi vinta però dal nero! Ora torniamo a bomba con il nostro sviluppo di programmatori front end cercando di tornare analogamente alla partita classica di attacco vista in precedenza prana vitale per l’agonista ai classici lato client e quindi javascript! Con JS posso cambiare gli attributi, con JS posso cambiare i contenuti, con JS posso mostrare e nascondere elementi, con JS posso anche cambiare lo stile. Facciamo degli esempi concreti con tanto di codice. Ad esempio analizziamo questo codice: <h1>Cosa posso fare con JavaScript?</h1><p id=”change”>Posso cambiare il contenuto</p><button type=”button” onclick=”document.getElementById(‘change’).innerHTML = ‘Sto imparando JS!'”>Clicca</button> ; saltano subito all’ occhio un pò di codici tipo questo onclick che non é altro che un gestore di eventi che va a permutare il testo quando schiaccerò il mio pulsante e tramite la proprietà innerHTML possiamo per l’appunto generare un testo diverso avendo avuto cura prima di contrassegnare con un ID univoco e identificativo sul paragrafo il richiamo sulla funzione di cambiamento tramite la relazione gerarchica del document getElementById che impone a quella porzione di codice di essere modificata, più difficile a dirsi che a farsi dal momento che a vedere in azione il tutto é davvero semplice ed efficace. Passiamo ora a rispondere alla domanda come faccio a cambiare gli attributi con web marketing Umbria. Ipotizziamo di avere un quadrato blue con il seguente codice: <button onclick=”document.getElementById (‘immagine’).src=’immagini/qdr_rosso.jpg'”>Scelgo il quadrato rosso</button><img id=”immagine” src=”immagini/qdr_blue.jpg” style=”width:100px”><button onclick=”document.getElementById(‘immagine’).src=’immagini/qdr_verde.jpg'”>Scelgo il quadrato verde</button> tutto questo codice é in sostanza é un pulsante prima e dopo la figura geometrica menzionata. Che succede quando premo il bottone relativo al colore? web marketing UmbriaL’immagine di default essendo contrassegnata dall’ attributo id=”immagine” ha una sua locazione che di volta in volta viene richiamata dall’ istruzione document.getElementById scatenata dall’ evento onclick e tramite l’attributo src io vado a pescare dalla cartella immagini il formato grafico che mi interessa per effettuare le sostituzioni. Anche qui sembra molto complicato a raccontarlo ma di fatto la questione é davvero semplice. E passiamo adesso a risolvere il prossimo arcano, come faccio a cambiare lo stile, magari inserendo un font più grande? Qui é ancora più semplice analizziamo il seguente codice: <p id=”font”>Posso cambiare lo stile</p><button type=”button” onclick=”document.getElementById(‘font’).style.fontSize=’40px'”>Font più grande?</button> da notare che anque mi ritrovo una przione di codice localizzata tramite id=”font” che viene menzionata al solito evento scatenante di pressione sul pulsante onclick tramite la consueta relazione gerarchica che lega gli oggetti con il PUNTO per cui cambiare diventa semplice tramite .style.fontSize=’40px’, evidenzia web marketing Umbria. E come faccio a nascondere un elemento, magari una porzione di testo che voglio fare scomparire? Analizziamo il seguente codice: <p id=”nascosto”>Posso nascondere un elemento</p><button type=”button” onclick=”document.getElementById(‘nascosto’).style.display=’none'”>Nascondi l’elemento</button> anche qui la tecnica prevde che io metta un etichetta all’ elemento che deve essere manipolato in questo caso occultato con id=”nascosto” e che tramite una istruzione dinamica la solita onclick vada a colpire il bersaglio con una istruzione mirata .style.display=’none’, niente di trascendentale e per finire ripondiamo con web marketing Umbria alla domanda come faccio a mostrare un testo che non si vede nella pagina? Prendiamo il codice <p>Posso mostrare un elemento</p><p id=”mostra” style=”display:none”>Ecco il testo nascosto!</p><button type=”button” onclick=”document.getElementById(‘mostra’).style.display=’block'”>Mostrami altro testo</button> anche qui metto il timbro con un ID alla zona che voglio manipolare in questo caso id=”mostra” e poi vado a convertire il style=”display:none” in .style.display=’block’ dinamicamente.